Exhibitions Archive

HOMMAGE TO ELIA VOLPI, PAINTER

Never-before-seen drawings and paintings reveal a lesser-known side of the ‘father’ of the Museo della Casa Fiorentina Antica

PALAZZO DAVANZATI

From May 6 to December 8, 2018, the museum will welcome visitors with the exhibition Omaggio a Elia Volpi pittore—‘Hommage to Elia Volpi, Painter’—installed in its picturesque entrance loggia.

The enterprising collector and antiquarian, mastermind of Palazzo Davanzati’s first ‘rebirth’ and father of the museum, restored the historic palazzo in the beginning of the twentieth century, transforming it into a private museum. Reimagining the décor of a luxurious residence between the Middle Ages and the Renaissance, Volpi furnished the house with antiques that fit his conception—part fact and part fiction—of Florence during this period. Volpi’s vision, brought to fruition in Palazzo Davanzati, played a significant role in shaping the particular ‘Florentine’ taste and style of interior decoration much in vogue at the time, as well as in promoting its dissemination on an international scale.

While a student at Florence’s Accademia di Belle Arti (Academy of Fine Arts) and in the decades that followed, Volpi also pursued an artistic career of his own, producing works of figurative art. Though little known, this period of Volpi’s life is nonetheless important to restore a more complete vision of this complex character. Drawing upon donations made to the museum, as well as a number of loans from private collections, this exhibition retraces Volpi’s years at the Accademia and his early career (1870-90s) through a series of drawings and paintings, many of them on public view for the first time.

Among the works on display are: a sketch for a fan painted in 1885 for Margherita di Savoia, Queen of Italy; a fascinating portrait of Pia Lori, Volpi’s future wife; and a delicate portrait of a young girl of 1885, which stands out for its modern allure. From November 6, the exhibition will feature a previously unknown painting by Volpi representing Donatello admiring Brunelleschi's Crucifix, a  subject inspired to a lively anecdote taken from Giorgio Vasari's Life of the Artists (1550).

Omaggio a Elia Volpi pittore will also feature a multimedia section, and in particular a video, Elia Volpi nella quiete di Villa di Celle (Elia Volpi in the quiet stillness of the Celle Villa), presented for the first time at this exhibition. With a mix of footage taken at various times and places, this film will give viewers a glimpse into the private life of Elia and his large family towards the end of the 1920s. Moreover, a touch-screen with photos from the album dedicated to the history of Palazzo Davanzati will permit visitors to reconstruct the story of the ‘creation’ of the museum and the development of its particular vision of ‘fiorentinità’ (‘Florentineness’).

It is possible to visit the exhibition during the museum’s opening hours, and access is included with the museum ticket.

ISLAM E FIRENZE. ARTE E COLLEZIONISMO DAI MEDICI AL NOVECENTO

Firenze, Museo Nazionale del Bargello - prorogata fino al 4 novembre 2018

BARGELLO

 

Le sezioni della mostra “Islam e Firenze”, ospitate nelle sale del Museo Nazionale del Bargello, resteranno aperte fino al prossimo 4 novembre.

“Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento” è il titolo della grande mostra che rappresenta un’occasione unica per scoprire conoscenze, scambi, dialoghi e influenze tra le arti di Occidente e Oriente.

Si tratta di una sontuosa rassegna di arte islamica, curata da Giovanni Curatola, organizzata dagli Uffizi e dal Museo Nazionale del Bargello con importanti prestiti internazionali e anche opere significative da altri istituti del territorio fiorentino (Museo Stibbert, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Museo Bardini e la Villa medicea di Cerreto Guidi).

Le quattro sezioni allestite nelle sale del Museo Nazionale del Bargello e dedicate ad altrettanti collezionisti che si sono distinti per il proprio gusto e per la propria passione per l’arte islamica, saranno ancora visitabili fino al prossimo 4 novembre. Nelle sale al pianterreno e al primo piano viene illustrato un periodo fondamentale di ricerca, collezionismo e allestimento museale di tra la seconda metà dell’Ottocento e l’inizio Novecento. In quegli anni Firenze era infatti frequentata da importanti collezionisti, italiani e stranieri, direttori di musei, curatori, tutti conoscitori ed estimatori di arte islamica.

Sarà un modo per conoscere meglio Louis Carrand e Giulio Franchetti (che in fin di vita donarono al Bargello gli oggetti d’arte raccolti nel corso della loro attività), Frederick Stibbert e Stefano Bardini (che trasformarono le proprie collezioni in veri e propri musei) e la cui attività collezionistica ha contribuito a scoprire, raccogliere e salvaguardare oggetti di grande pregio e rarità.

Nella prima sala della mostra sono visibili alcuni dei tappeti orientali raccolti da Stefano Bardini (1836-1922). Famoso con l’epiteto di “principe degli antiquari”, Bardini dominò il mercato artistico mondiale a cavallo fra Otto e Novecento e fu un precursore del collezionismo di tappeti islamici.

Frederick Stibbert (1838-1906) fu invece un grande appassionato ed esperto di armi, e in particolare, anche se non esclusivamente, di armi ed armature islamiche, di cui sapeva apprezzare la raffinatezza tecnica e l’eleganza con gusto addestratissimo.

Se al Bargello oggi si conserva una delle principali collezioni d’arte islamica in Italia, gran parte del merito va all’antiquario lionese Louis Carrand (1821-1889) che nel 1888 donò a questo museo una grande collezione di arti decorative di età medioevale e moderna. Nella raccolta Carrand gli oggetti d’arte islamica spiccano sia per numero che per varietà.

Anche il barone Giulio Franchetti (1840-1909) donò al museo nel 1906 una propria collezione: in questo caso si trattava esclusivamente di tessuti antichi, orientali ed europei, databili fra il Medioevo e il Settecento frutto di una passione, coltivata e perseguita per un’intera vita, alla ricerca dei pezzi più scelti, più belli e più rari.

Un percorso spettacolare, vario, e affascinante attraverso scambi e contaminazioni culturali che meritava un’occasione in più per essere scoperto o approfondito.

 

Per saperne di più, segui le parti del racconto della mostra, dedicate ai quattro collezionisti:

Islam e Firenze     

Il racconto della mostra

Stefano Bardini e i tappeti orientali

Frederick Stibbert e la sua «sala moresca»

 ♥

Louis Carrand e la sua grande donazione

 ♦

Giulio Franchetti e l'arte del tessuto

 

IL RELIQUIARIO DI MONTALTO - ON SHOW UNTIL SEPTEMBER 30, 2018

A superb artwork of goldsmith’s from the Marche, the area of the earthquake, is temporarily on display at Museo Nazionale del Bargello

BARGELLO

24 September 2017 - 30 September 2018

The Museo Nazionale del Bargello has the pleasure to present the reliquary of Montalto attributed to Jean Du Vivier, a French artist who worked in the court of Charles V in the second half of the 14th century. Thanks to the collaboration with the Museo Sistino Vescovile di Montalto, this masterpiece will be exhibited from September 24, 2017 until September 30, 2018 in the Magdalene Chapel at the Bargello Museum.

The earthquake on 30 October 2016 led to the temporary closure of the Museo Sistino Vescovile di Montalto, The reliquary, which was donated by Pope Sixtus V, is its most treasured exhibit. In view of the tragic earthquake the Museo Nazionale del Bargello decided to host the reliquary, a rare masterpiece of the medieval goldsmith’s, so it can be visible while the historic building housing the collection is restored. The museum wishes to raise awareness about the critical situation that the earthquake has provoked in the central regions of Italy.

The reliquary consists of a central case made of gold, designed to contain precious relics. It is carried out with a precious and difficult enamel technique, called in French ‘en ronde bosse’, which allows covering the metal with shining colors. The brilliance of this material competes with that of gems and pearls.

The oldest part of the reliquary, made of gold, is attributed to Jean du Vivier, the famous Parisian goldsmith of the late 14th century, who worked for the king of France Charles V (1364-1380). The reliquary became, for the rarity of its sacred content and its artistic form, a desired object from the sovereigns, popes and cardinals. Its property passed rapidly from the dukes of Burgundy to Ferdinand IV of Tyrol, to Lionelo d’Este Marquis of Ferrara and through the German jeweler Giacomo de Goldemont to Pope Paul II Barbo (1464-1471). Finally, Pope Sixtus V Peretti (1585-1590) donated the reliquary to the Montalto town, which he defined as his dear homeland, in the Marche region.

The display of the reliquary also aims to support fundraising, through a crowdfunding and by the sales of a booklet on the restoration carried out by the Opificio delle Pietre Dure. The funds will serve to support the restoration work of the museum in Montalto and other monuments damaged by the earthquake belonging to the Musei Sistini del Piceno network.

During the exhibition at the Museo Nazionale del Bargello guided tours and lectures will take place among other initiatives dedicated to disclose in depth the sacred goldsmith’s, of which the reliquary of Montalto represent one of its best masterpieces.

ISLAM E FIRENZE. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento

Dal 22 Giugno al 23 Settembre - Gallerie degli Uffizi e Museo Nazionale del Bargello

BARGELLO

“Islam e Firenze. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento” è il titolo della grande mostra che rappresenta un’occasione unica per scoprire conoscenze, scambi, dialoghi e influenze tra le arti di Occidente e Oriente. 

Si tratta di una sontuosa rassegna di arte islamica, curata da Giovanni Curatola, organizzata dagli Uffizi e dal Museo Nazionale del Bargello con importanti prestiti internazionali e anche opere significative da altri istituti del territorio fiorentino (Museo Stibbert, Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Museo Bardini e la Villa medicea di Cerreto Guidi). 

Un comitato scientifico internazionale ha lavorato intensamente alla selezione delle opere e al catalogo della mostra, con saggi ricchi di indagini scientifiche e storiche che mettono in chiaro il ruolo importantissimo di Firenze negli scambi interreligiosi e interculturali tra il Quattrocento e il primo Novecento. 

La mostra si articola in due sedi espositive: al Bargello viene illustrato un periodo fondamentale di ricerca, collezionismo e allestimenti museali di fine Ottocento e inizio Novecento, con opere dalle donazione di Louis Carrand e Giulio Franchetti e dalle collezioni di Frederick Stibbert e Stefano Bardini. In quegli anni Firenze era infatti frequentata da importanti collezionisti, italiani e stranieri, direttori di musei, curatori, tutti conoscitori ed estimatori di arte islamica.

Anche al fine di ampliare le possibilità di visita a questa sezione della mostra il Museo Nazionale del Bargello ha programmato, per i prossimi giorni, due aperture serali straordinarie: il 25 giugno e il 9 luglio il Museo sarà visitabile dalla mattina fino alle 20.00 di sera.

Agli Uffizi, l'altra sede espositiva, sono raccolte le testimonianze artistiche dei contatti fra Oriente e Occidente: le suggestioni e i ritratti di sultani, esemplari preziosi della lavorazione dei metalli, ricercatissimi già dai tempi di Lorenzo il Magnifico, le ceramiche orientali, o quelle ispano-moresche con stemmi nobiliari fiorentini. Stoffe e grandi tappeti provenienti dall’Egitto mamelucco di fine Quattrocento o degli inizi del Cinquecento, entrati molto presto nelle collezioni mediceo-granducali, i vetri, i metalli che hanno influenzato la coeva produzione italiana, e non ultimi gli splendidi manoscritti orientali provenienti dalla Biblioteca Nazionale e della Biblioteca Medicea Laurenziana.

Un percorso spettacolare, vario, e affascinante attraverso secoli di scambi e contaminazioni culturali

In occasione di questo evento, infine, e per tutta la durata della mostra Uffizi e Bargello offrono la possibilità di acquistare un biglietto combinato per € 29, ridotto €14.50, valido tre giorni che consentirà di visitare gli Uffizi, il Bargello la mostra Firenze e l’Islam. Arte e collezionismo dai Medici al Novecento, e con accesso anche al Museo archeologico di Firenze.

DA BROOKLYN AL BARGELLO

Giovanni della Robbia, la lunetta Antinori e Stefano Arienti

BARGELLO

Dopo l’esposizione alle grandi mostre presso il Museum of Fine Arts di Boston e la National Gallery di Washington tra 2016 e 2017, approda a Firenze un capolavoro che ha lasciato l’Italia nel lontano 1898: la lunetta con la Resurrezione di Giovanni della Robbia.

Verrà presentata al pubblico nella cornice del Museo Nazionale del Bargello, dove si conserva la maggiore raccolta al mondo di sculture realizzate in terracotta invetriata dai Della Robbia.

Commissionata probabilmente intorno al 1520 da Niccolò di Tommaso Antinori (1454-1520), che dette inizio alla fortuna imprenditoriale di questo antichissimo casato fiorentino, la lunetta è di dimensioni monumentali (cm 174,6 x 364,5 x 33) e resta oggi uno dei più notevoli esempi della produzione di Giovanni della Robbia (Firenze 1469-1529).

Figlio di Andrea e insieme a lui continuatore della bottega dello zio Luca, Giovanni si indirizzò verso una produzione contraddistinta da una maggiore esuberanza decorativa e cromatica, come appare proprio da questo straordinario esemplare, rimasto per quasi quattro secoli nella sua ubicazione originaria, la prestigiosa Villa Le Rose costruita fuori le mura di Firenze quale residenza di campagna e sede, già in antico, di produzione vinicola.

La lunetta raffigura il Cristo risorto, con il committente Antinori in ginocchio alla sua destra e i soldati attorno al sepolcro, secondo l’iconografia tradizionale: il tutto su un articolato sfondo di paesaggio e all’interno di una fastosa cornice di frutti e fiori popolata da piccoli animali.

L’opera venne acquistata nel 1898 da Aaron Augustus Healy (1850-1921), personaggio chiave della Brooklyn di fine Ottocento, importante uomo d’affari, presidente del Brooklyn Institute of Arts and Sciences per venticinque anni, ma anche esperto collezionista e generoso mecenate.

Healy, che portò a New York la lunetta per donarla al Brooklyn Museum, la riaccompagna idealmente oggi a Firenze, con una spettacolare presenza ‘in effigie’: altro capolavoro concesso in prestito dallo stesso museo americano è infatti il Ritratto di Aaron Augustus Healy dipinto da John Singer Sargent nel 1907. Sargent (Firenze 1856 – Londra 1925) artista cosmopolita e di eccezionale successo, fu uno dei ritrattisti più in voga presso l’alta società delle capitali europee e americane: quello di Healy è uno degli ultimi ritratti eseguiti da Sargent, che in seguito riservò quel privilegio solo a pochi fortunati come Henry James, Vaslav Nijinsky, John D. Rockefeller o il presidente degli Stati Uniti Thomas Woodrow Wilson...

VINCENZO GEMITO: TRE STUDI DAL VERO IN TERRACOTTA

Eccezionalmente esposti al Bargello

BARGELLO

Fino all'8 aprile 2018

La Direzione del Museo Nazionale del Bargello ha il piacere di presentare un prestito eccezionale da parte di Intesa Sanpaolo, dalle Gallerie d’Italia di Palazzo Zevallos Stigliano di Napoli, di sculture di Vincenzo Gemito.

Fino all’8 aprile lo Scugnizzo, lo Studio dal vero (Moretto) e il Fiociniere, terrecotte realizzate dallo scultore napoletano intorno al 1870, saranno esposte nel Salone della Scultura del Cinquecento al Bargello, in un inedito accostamento tra terrecotte cinquecentesche e ottocentesche che offre l’opportunità di rileggere l’opera dello scultore napoletano alla luce delle suggestioni dei grandi maestri del Rinascimento.

Il prestito celebra il centenario della donazione del Pescatoriello in bronzo di Vincenzo Gemito al Museo Nazionale del Bargello da parte di Achille Minozzi nel 1917. Quest’opera è attualmente esposta alla mostra I napoletani a Parigi negli anni dell’Impressionismo (Napoli, Palazzo Zevallos Stigliano, 5 dicembre 2017- 8 aprile 2018).

Sabato 24 febbraio alle ore 12, la dottoressa Paola D’Agostino, Direttore del Museo Nazionale del Bargello, terrà una visita guidata straordinaria dedicata a Gemito e ai tre “studi dal vero” in terracotta.

Nel mese di aprile saranno annunciate visite straordinarie  a tema, dedicate allo scultore napoletano.

MAKING BEAUTY. The Ginori Porcelain Manufactory and its Progeny of Statues

18 May - 1 October 2017

BARGELLO

Italy's first ever exhibition devoted to the porcelain statues manufactured in Doccia and to those statue's original sources of inspiration is due to open at the Museon Nazionale del Bargello on 18 May.

Founded by the Marchese Carlo Ginori in Doccia near Florence in 1737, the Sesto Fiorentino Porcelain Manufactory, which was to become known as Richard Ginori in 1896, is the oldest such manufactory in Italy and is still fully operational.

Marchese Ginori systematically collected the moulds in the workshops that had belonged to sculptors working from the late Renaissance to the Baroque eras, using them to create the models for his superb porcelain sculptures. But at the same time, he purchased models from the workshops of the Florentine sculptors of his own day and commissioned reproductions of the most celebrated Classical statues from them. A sophisticated technique allowed the Doccia kilns to produce monumental porcelain figures that were truly exceptional, both technically and in terms of sheer size.

The collection of models, which was subsequently expanded by Carlo's heirs, is split today between the Richard Ginori works and the museum adjacent to the factory, which has unfortunately been closed since May 2014. This collection of models and porcelain works in the museum is of primary importance for the history of sculpture. Thus La Fabbrica della bellezza, which sets out to draw attention to this outstanding heritage, is fittingly hosted in the Bargello, the Kingdom of Italy's first national museum and the most important museum of Italian sculpture in the world.

The exhibition is curated by Tomaso Montanari and Dimitri Zikos with the collaboration of Cristiano Giometti and Marino Marini and in conjunction with Livia Frescobaldi Malenchini and Oliva Rucellai of the Associazione Amici di Doccia.

A lengthy process involving in-depth art historical research and an intense scientific and cultural debate lasting over a year has spawned an exhibition and a catalogue that are very much the fruit of close teamwork.

Thanks to new research focusing on individual case studies, the porcelain statues dialogue in the exhibition both with the Bargello's own exhibits and with sculptures loaned by national and foreign institutions and private collectors, some of them on display in Italy for the very first time.

See "more details" for a description of the show.