BELLEZZA E NOBILI ORNAMENTI NELLA MODA E NELL’ARREDO DEL SEICENTO

Prorogata sino al 28 giugno 2020 la mostra allestita nel MUSEO DI PALAZZO DAVANZATI

   Il Museo di Palazzo Davanzati, ha riaperto le sue porte il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, pronto ad accogliere in sicurezza  i visitatori che potranno tornare ad ammirare l’atmosfera unica di questa antica dimora fiorentina con le sue collezioni di raffinati arredi e oggetti d’arte e, per tutto il mese di giugno sarà possibile visitare anche la mostra Bellezza e nobili ornamenti nella moda e nell’arredo del Seicento  allestita nelle sale museo. La mostra aperta a dicembre 2019, è stata eccezionalmente prorogata fino al 28 giugno per offrire l’opportunità di visita a chi ne è rimasto escluso a causa del periodo di chiusura per l’emergenza sanitaria.

La mostra promossa dai Musei del Bargello  è strettamente collegata alla magnifica collezione di merletti, storicamente vanto del Museo di Palazzo Davanzati, di rilievo internazionale per la  quantità, qualità e varietà degli esemplari in grado di ripercorre l’ intera storia di quest’arte.
L’idea espositiva è nata a seguito dell’acquisizione da parte di Musei del Bargello di un rarissimo corpus di disegni per ricami e merletti databili alla prima metà del XVII secolo e apparsi sul mercato antiquario nel 2018.

   Si tratta di una delle più estese raccolte esistenti di disegni di merletti e ricami costituita da 105 fogli, centodue carte ad inchiostro e tre a grafite e sanguigna, giunte fino a noi in ottimo stato conservativo e attribuibili per la gran parte, alla firma dello stesso autore, Giovanni Alfonso Samarco da Bari.
Attorno a questi raffinati disegni, si sviluppa un affascinante percorso espositivo che documenta lo stile prezioso della moda e dell’arredo del Seicento, in un confronto tra grafica e manufatti comprendenti abiti, accessori, dipinti, sculture, medaglie, libri, tessuti, merletti e ricami.

In alcune sezioni allestite come stanze delle meraviglie, sono esposti raffinati e preziosi accessori: la borsa a ricamo applicato di probabile manifattura inglese; la scarpetta femminile in raso di seta e inserti di merletto, databile all’ultimo quarto del XVII secolo; la spilla d’oro, di oreficeria nordica, con perle e diamante utilizzata al tempo come guarnizione d’abito. La moda e il gusto dell’epoca la ritroviamo documentata da un raro giubbone maschile, databile tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, con inserti di merletto a fuselli, e in alcuni dipinti che ritraggono gli sfarzosi colletti in pizzo indossati da Valdemaro di Danimarca, opera di Justus Suttermans e da Vittoria Bulgarini ritratta da Nicolas Régnier.


Bellezza e Ornamenti nella moda e negli arredi del Seicento è una mostra unica per presentare al pubblico un raro gruppo di centocinque disegni di merletti e ricami acquistati dai Musei del Bargello con i fondi derivanti dall’autonomia dei musei, a seguito della Riforma del 2014. Il corposo nucleo grafico è stato destinato a Palazzo Davanzati che, già dagli anni ottanta del Novecento, ospita una pregevole collezione di merletti e ricami, dal XVI al XX secolo. Per la durata della mostra, il Davanzati, noto ai più come antica dimora fiorentina, si vestirà di raffinate forme barocche, con “stanze delle meraviglie” che sveleranno, attraverso un affascinante percorso espositivo, il singolare ruolo che i merletti ebbero nella storia sociale ed economica in Europa, oltreché nella storia dell’arte, del design e della moda”
Paola D'Agostino Direttore dei Musei del Bargello
  Enti prestatoriGallerie degli Uffizi, Museo Stibbert, Museo Civico d’Arte di Modena, Università di FirenzeArchivio di Stato di Firenze, USL Toscana CentroMuseo del ricamo di Pistoia, oltre a generosi prestiti da parte di collezionisti privati.
Mostra e catalogo (ed. Edifir) a cura di Benedetta Matucci e Daniele Rapino.